La Bava di Lumaca 5 curiosità storiche e usi moderni
Divertimento e Svago

La Bava di Lumaca: 5 curiosità storiche e usi moderni

La bava di lumaca, conosciuta per le sue proprietà cosmetiche, nasconde una storia affascinante e curiosità che risalgono a tempi antichi. Questo elisir naturale ha viaggiato attraverso secoli e culture, trovando applicazioni sorprendenti e innovazioni moderne.

 Ecco cinque fatti sorprendenti sulla bava di lumaca.

Utilizzo storico della Bava di Lumaca in medicina

La storia della bava di lumaca come ingrediente curativo affonda le sue radici nell’antichità, in particolare nell’epoca della Grecia classica. Già allora, figure storiche come Ippocrate, riconosciuto universalmente come il padre della medicina occidentale, avevano individuato e sfruttato le proprietà uniche di questo prodotto naturale.

Ippocrate, con la sua visione innovativa della medicina, era solito prescrivere un rimedio composto da lumache schiacciate mescolate con latte acido. Questa miscela era utilizzata per trattare varie forme di infiammazioni, inclusi ascessi e disturbi cutanei. La combinazione del muco lenitivo prodotto dalle lumache e le proprietà nutrienti e calmanti del latte, creava un unguento naturale efficace nel promuovere la guarigione e alleviare il dolore.

Il fascino di questo rimedio antico non si è limitato all’epoca di Ippocrate. Nel corso dei secoli, la bava di lumaca ha continuato a essere utilizzata in diverse culture e contesti per le sue proprietà terapeutiche. Ad esempio, nel Medioevo, era comune l’uso di lumache in trattamenti per la pelle e altre malattie. In alcune culture, le lumache venivano applicate direttamente sulle ferite per accelerare la guarigione, sfruttando le loro proprietà antibatteriche e rigenerative.

Con il passare del tempo, la scienza moderna ha iniziato a esplorare più a fondo le proprietà della bava di lumaca, confermando molte delle osservazioni fatte secoli fa. Ricca di allantoina, collagene, elastina, acido glicolico e altre sostanze benefiche, la bava di lumaca è stata riscoperta come un ingrediente potente nella cura della pelle, portandola a essere un componente chiave in molti prodotti cosmetici moderni. Questo interesse rinnovato ha portato a una maggiore comprensione scientifica delle sue proprietà e alla sua diffusione come ingrediente efficace non solo nella medicina tradizionale, ma anche nella cura della bellezza contemporanea.

La riscoperta della Bava di Lumaca in Cile

La storia moderna dell’uso della bava di lumaca nel settore cosmetico ha avuto inizio in un contesto inaspettato: le fattorie di allevamento di lumache in Cile. Nel corso degli anni ’80, i coltivatori cileni, che allevavano lumache principalmente per il mercato gastronomico francese, iniziarono a notare un effetto collaterale sorprendente.

Mentre si occupavano delle lumache, i coltivatori osservarono che la loro pelle, soprattutto quella delle mani che erano in costante contatto con le lumache, diventava visibilmente più morbida e liscia. Questo cambiamento era attribuibile alla bava di lumaca, nota per le sue proprietà idratanti e rigenerative. La bava, rilasciata naturalmente dalle lumache quando si muovono, è ricca di componenti benefici come allantoina, collagene, elastina e altre sostanze nutritive che sono essenziali per la salute della pelle.

Questa scoperta accidentale attirò l’attenzione di ricercatori e sviluppatori di prodotti cosmetici, che iniziarono a esplorare le potenzialità della bava di lumaca come ingrediente chiave per la cura della pelle. La ricerca scientifica confermò che la bava di lumaca aveva effetti notevoli nel:

  • promuovere la rigenerazione della pelle, 
  • ridurre le rughe
  • trattare cicatrici e macchie cutanee 
  • migliorare l’elasticità della pelle.

Di conseguenza, la bava di lumaca divenne un ingrediente popolare in molti prodotti cosmetici, da creme e sieri a maschere per il viso. Questo ingrediente naturale offriva una soluzione efficace per una varietà di problemi della pelle, posizionandosi come una delle scoperte più rivoluzionarie nel campo della cosmesi naturale.

La riscoperta della bava di lumaca in Cile ha quindi rappresentato un momento chiave nella storia della cosmetica, portando a una nuova era di prodotti per la cura della pelle che combinano saggezza antica e innovazione moderna. Da un semplice contatto casuale in una fattoria a un ingrediente ampiamente ricercato e rispettato nel settore della bellezza, la bava di lumaca ha percorso un cammino straordinario, diventando sinonimo di cura naturale e di qualità nella cosmesi.

Snail SPA in Thailandia

In Thailandia, la bava di lumaca ha trovato un’applicazione sorprendente e diretta nel settore del benessere e della bellezza: le “Snail SPA”. Questi centri estetici offrono un’esperienza di trattamento facciale unica, dove le lumache giocano un ruolo principale. Durante questi trattamenti, le lumache vengono posizionate delicatamente sul viso dei clienti, lasciando che si muovano liberamente sulla pelle. Mentre si spostano, le lumache rilasciano la loro bava, nota per le sue proprietà curative e rigenerative.

Questa pratica, che potrebbe sembrare inusuale a prima vista, si basa su principi che vedono la bava di lumaca ricca di sostanze benefiche come allantoina, acido glicolico, proteine e elastina.

Le “Snail SPA” hanno guadagnato popolarità tra coloro che cercano trattamenti di bellezza naturali e non invasivi. 

Questo metodo di skincare, tuttavia, differisce dagli standard rigorosi utilizzati per la produzione di cosmetici in Italia. Le migliori aziende nel campo dei cosmetici a base di pura  bava di lumaca come l’attività astigiana Muraro Cosmetics, utilizzano solo bava microfiltrata e purificata per i loro prodotti. In Italia, la normativa enfatizza l’importanza della purezza e della qualità nella produzione dei cosmetici, assicurando che solo bava di lumaca trattata e sicura sia impiegata, in contrasto con l’approccio più diretto e libero delle “Snail SPA” tailandesi.

La Bava di lumaca come rimedio naturale

La bava di lumaca, oltre ad essere un ingrediente prezioso nella cosmesi, ha una lunga storia come rimedio naturale per una varietà di disturbi. Questo utilizzo tradizionale si estende ben oltre la cura della pelle, toccando aspetti della salute interna come la tosse e la gastrite.

Già nell’antichità, come evidenziato dalle pratiche di Ippocrate, la bava di lumaca era riconosciuta per le sue proprietà curative. Questa tradizione si è conservata e evoluta nel corso dei millenni. Nel contesto della medicina popolare, la bava di lumaca è stata utilizzata in diverse forme per trattare disturbi respiratori come la tosse. Si credeva che le sue proprietà lenitive e mucolitiche aiutassero a calmare la gola irritata e a facilitare la respirazione.

Per quanto riguarda i problemi gastrointestinali come la gastrite, la bava di lumaca era apprezzata per le sue qualità calmanti e rigenerative. Si riteneva che aiutasse a rivestire e proteggere le pareti dello stomaco, alleviando il dolore e promuovendo la guarigione delle ulcere. Queste proprietà sono dovute alla presenza di sostanze come l’allantoina, che ha effetti benefici sulla rigenerazione dei tessuti e sulla riduzione dell’infiammazione.

In sintesi, la bava di lumaca rappresenta un’eredità storica nella medicina naturale, offrendo un esempio affascinante di come le soluzioni per la salute e il benessere possano essere trovate nella natura, e come le conoscenze antiche possano ancora avere applicazioni rilevanti ai giorni nostri.

Gelato con bava di lumaca: un esperimento nutrizionale rivoluzionario

Una delle applicazioni più inaspettate e innovative della bava di lumaca è emersa nel mondo della gastronomia, in particolare nella creazione di gelato. Un sorbetto alla fragola preparato con bava di lumaca, che sostituisce quasi completamente l’acqua, rappresenta un esempio straordinario di questa innovazione. Questo gelato unico è stato creato da Alessandro Racca, maestro gelatiere e docente alla Carpigiani Gelato University, con uno scopo che va oltre la semplice curiosità culinaria​​.

La sostituzione dell’acqua con la bava di lumaca nel gelato non è solo una novità gastronomica, ma anche un esperimento che sfrutta le proprietà uniche della bava. Questo ingrediente naturale è ricco di sostanze nutritive e potenzialmente benefiche per la salute, un aspetto che aggiunge valore nutritivo a un alimento già amato da molti. 

Questa iniziativa non è solo un esercizio di creatività gastronomica, ma ha anche radici profonde nel desiderio di offrire benefici nutrizionali specifici, specialmente per i pazienti oncologici pediatrici.

Il gelato a base di bava di lumaca è stato sviluppato con l’obiettivo di sfruttare le proprietà nutritive e curative del muco. La bava di lumaca è ricca di proteine, glicoproteine, antiossidanti e altri composti bioattivi che possono sostenere il recupero e la nutrizione, in particolare per i pazienti che soffrono di malattie debilitanti come il cancro. In queste situazioni, mantenere un’adeguata assunzione nutrizionale è cruciale, e il gelato rappresenta una forma appetibile e facilmente consumabile per assumere questi nutrienti essenziali.

L’uso della bava di lumaca nel gelato rappresenta una tendenza emergente che combina sperimentazione gastronomica e interesse per ingredienti naturali e alternativi. In un mondo in cui la ricerca di nuove esperienze culinarie e l’attenzione alla salute vanno di pari passo, il gelato alla bava di lumaca segna un passo intrigante e audace verso nuovi orizzonti nel campo dell’alimentazione e della nutrizione.